BRUISED, di Federica Caracciolo

 

BRUISED: di Federica Caracciolo

I romanzi non sono propriamente il tipo di lettura che amo, spesso mi ritrovo al leggere mentre il mio cervello prende la tangente per altri Universi, al contrario amo i Saggi perchè danno libero sfogo alle mie fantasia di donna trans-lesbica-utopica-anarchica. Ma poi la vita ti dona una cara amica che scrive proprio un romanzo. Succede che questa amica presenta il libro in Associazione, e quindi questo aumenta la curiosità che vince sul dovere-di-amica nel leggere il libro. Bruised: ha a che fare con lividi e ferite esteriori e interiori. Questo è indubbiamente un romanzo di formazione, è certamene scritto per ragazz* della tardo adolescenza, ma è fondamentalmente un libro che racconta una storia d’amore contemporanea, e quindi consigliato a tutt*. Sia chiaro non è l’amore che si è solitamente abituati ad ascoltare nelle spesso insulse canzoni di San Remo, è un amore che coinvolge tutti i protagonisti del racconto, che sono 4: Lele, Bianca, Dean e Morgan. Federica è mamma, è eterosessuale e scrive un romanzo che sconfina tra omosessualità, bisessualità ed eterosessualità, e affronta il non facile tema dei generi, uomini, donne, transessuali e il mondo dei non binari. Affrontare tutti questi temi, così tanto complessi gia nella loro singolarità, in un unico racconto è molto coraggioso. Ma Federica, lo ammetto, in modo molto sorprendente, affronta queste tematiche con una sensibilità che non solo mi hanno strappato più volte le lacrime, tanto è stata la mia empatia con i personaggi, ma lo fa con una cognizione e una padronanza, anche nell’uso della terminologia, davvero sorprendente.

<< Pensi che diventerai donna?>>

<<ci ho pensato tanto. Ma la verità è che io non voglio cambiare. Non è una questione di genere, o di gusti sessuali, di orientamento affettivo. La mia identità ha a che fare soltanto con quello che sento di essere. E questo è quello che sono. Maschio e femmina insieme. Uniti e divisi, ma sempre legati da un filo sottile. Solo così mi sento completo. Non potrei mai scegliere, e chi mi chiede di farlo è perchè non può accettare quello che sono, che si fotta. Prendere o lasciare>>.

Qui abbiamo la perfetta descrizione della complessa identità non binaria, sia chiaro come in tutte le questioni trans*, non esiste nulla di netto, io stessa mi identifico come una non-binaria, anche se ho sfumature più da donna, probabilmente dovute a 45 anni di forzata identità da uomo. Sono rimasta incantata dal fatto che un romanzo di amore parlasse di tardo adolescenti, contemporanei – che secondo il mio parere, vivono ovviamente nel loro mondo, diverso da quello che era il nostro…per fortuna, ma non sono tutti privi di spessore, come troppo spesso vengono giudicati -, e fosse in grado di raccontare, con linguaggio chiaro, il genere non-binario. Non che l’omosessualità maschile, visto che il protagonista è un ragazzo gay, abbia meno ricchezza di dettagli. Federica si è immersa totalmente, in modo empatico, nei rispettivi e divergenti ruoli dei protagonisti.

FANTASTICO.

Questo è un racconto che si divora in poche ore, poiché una pagina tira l’altra come gli arachidi durante l’aperitivo, è una storia coinvolgente, dove si narra anche di un viaggio, poiché sono proprio i viaggi tardo adolescenziali, che sono i primi a farci vivere l’emozionante sensazione di indipendenza e di liberazione individuale che ci formeranno per il resto della vita. Il viaggio non è mai solo una geografia, esso ti conduce dritto verso il tuo essere interiore più intimo, ti apre al mondo, ti toglie tutti quei freni che già a quella età, ci costringono ad un quotidiano conforme.

Concludo con un sincerissimo: Ti Amo Federica, per avere avuto la sensibilità di calarti in storie che teoricamente non ti appartengono, dimostrando che tutti possiamo parlare di tutti, quando però è l’amore per la giustizia e la rabbia per le ingiustizie che ci guidano!

Eva Croce ragazza Xy non binaria

Il libro è acquistabile sia in formato e-book che cartaceo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *