Mio figlio in rosa: storia di genere non conforme

“ Di espormi alla gogna del pregiudizio.
Perchè di questo si tratta: del coraggio di essere se stessi.”

Federica Caracciolo, Bruised.

“Ti senti maschio o femmina?”
“Io mi sento io.”

Federico, il figlio in rosa, afferma la sua individualità, la libertà di crescere nella serenità di poter essere se stesso. Federico ha una grossa fortuna, una madre in grado di mettere l’amore nei confronti del proprio figlio davanti alle conformità, troppo spesso stupide, della società in cui viviamo. Avere un figlio di genere non conforme, per una madre italiana, è ancora oggi un calvario. La questione dei minori transgender è un tema che sento in maniera viscerale, perchè è vero: crescere figli non è cosa facile. Al contrario delle idiozie conformiste, per crescere figli sereni non bastano “mamma e papà”, dato il crescente numero di disturbi che “mamma e papà” procurano ai propri cuccioli. Per crescere figli è necessario poter contare su uno Stato laico, responsabile e che ti stia al fianco, cioè esattamente l’opposto di quello che ci propone l’Italia. Camilla, la mamma di Federico, lo sa bene, è un altissimo prezzo che ha dovuto pagare, e che ancora paga, visto che ha deciso di trasferirsi in Spagna. Federico è un bambino di genere non conforme, cioè un individuo a cui stanno strette le categorie false e ideologiche di uomo/donna, maschio/femmina, in buona sostanza vive la naturale compenetrazione degli estremi binari. Ringrazio Camilla per averci donato il racconto di Federico, il quale mi ha insegnato a fare un ulteriore e fondamentale passo verso l’amore per me stessa, base essenziale per poter trovare il coraggio di essere me stessa: Eva una ragazza non binaria.
La vera rivoluzione che, sola potrà risolvere molti dei mali che soffriamo nella nostra società, mali che il femminismo ha indicato come patriarcato, è sconfiggere la gabbia binaria.
Cosa significa essere non binari?
Leggete Camilla Vivian: Mio figlio in rosa.
Vi Amo!
Eva Croce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *